Sciamanesimo

Sciamanesimo o Sciamanismo

La via più antica alla conoscenza e alla guarigione

 

Lo sciamanesimo o sciamanismo è il metodo più antico di utilizzare uno stato alterato di coscienza per ottenere la guarigione e trovare soluzione ai problemi. Gli sciamani  sono stati i primi guaritori e soccorritori nella vita e nella morte, i primi saggi e visionari. I disegni rupestri del paleolitico dimostrano che lo sciamanesimo esiste da oltre trentamila anni. Oggi sopravvive, a volte ancora intatto, in quelle parti dell'America, dell'Africa, del Nord Europa e della Siberia, che sono state meno influenzate dalla civiltà moderna. Lo sciamanismo o sciamanesimo sta attualmente vivendo una rinascita nel mondo contemporaneo Nelle ricerca delle radici perdute, di nuove vie alla guarigione e di un senso più profondo della vita, sempre più persone si rivolgono all'antica conoscenza degli sciamani. Molti trovano nel legame primordiale con la natura e nell'antica visione dello sciamano una via d'uscita alla corsa insensata al successo e alla ricchezza, e all'isolamento creato da una società materialistica e tecnologica.

 

Centro Studi per lo Sciamanesimo 2001-2014

Centro Studi per lo Sciamanesimo

Coordinamento per l'Italia della The Foundation For Shamanic Studies-California, fondata dal Professor  Michael Harner, impegnata per la diffusione dello sciamanesimo o sciamanismo.
email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Direttore: Nello Ceccon

Seminari di Base

16 Dic - 17 Dic 17
La Via dello Sciamano® di Michael Harner Verona prov. Agrit. La Pila, condotto da Nello Ceccon
3 Feb - 4 Feb 18
La Via dello Sciamano® di Michael Harner Torino prov., condotto da Nello Ceccon

Seminari Avanzati FSS

16 - 18 Mar 18
Lo Sciamanesimo e gli Spiriti della Natura Verona prov. Agrit. La Pila, condotto da Nello Ceccon

Cerchio Sciamanico

22 Dic 17 21:00-23:00
Cerchio Sciamanico Solstizio d'Inverno Verona prov., Sede

Viaggio in Guatemala dal 3 al 17 Gennaio 2018

Pagina Facebook

Corso Formazione Biennale di Sciamanesimo

  • Corso Formazione Biennale di Sciamanesimo

     

    Condotto da Nello Ceccon
    La Decima Edizione Inizia il 20-22 Ottobre 2017

    Prerequisiti: Partecipazione al seminario di base La Via dello Sciamano e a due seminari avanzati della FSS

    il 2 ° incontro è programmato per Gennaio 2018  il 3° incontro per marzo 2018, 4° incontro Giugno 2018, 5° settembre 2018, 6° Novembre 2018

    Leggi tutto...

Iscriviti alla mailing list!

clicca qui per iscriverti

Di Nello Ceccon e Stefania Montagna

L’anima nelle società tradizionali

Gli uomini che agli albori della civiltà si sono affacciati per la prima volta al mondo soprannaturale o “realtà non ordinaria”, come l’ ha definita l’antropologo e sciamano Carlos Castaneda, probabilmente non si erano posti la domanda che cosa fosse l’anima.

Ma nelle loro prime esplorazioni nei mondi dell’invisibile hanno incontrato persone, animali o piante, già note nella vita reale, sotto diversi aspetti e poi trasformarsi in altre forme, come avviene spesso anche nello stato del sogno.

Questa altra forma, che risiede nel mondo misterioso dell’invisibile, ha assunto nella nostra civiltà il concetto di anima.

Gli sciamani, in uno stato alterato di coscienza, riescono a “vedere” gli esseri viventi nella loro essenza più pura, senza i vincoli che ci vengono dati dalle percezioni fisiche e soprattutto dalle categorie e modelli mentali che si formano nella realtà in cui viviamo.

 

Attraverso questa nuova visione del soggetto o, in altre parole, attraverso la percezione dell’anima della persona, sono in grado di operare per riportare armonia e benessere. Gli sciamani hanno sempre esplorato queste nuove dimensioni a fini pratici, per portare la guarigione alla persona sofferente, per dare risposte sagge e consigli a chi ne aveva bisogno, oppure per ricevere conoscenze utili per la sopravvivenza del gruppo.

Queste pratiche sono sopravvissute nelle società tradizionali fino ai giorni nostri, grazie alla loro efficacia ed ai risultati che si ottengono. La psicologa e sciamana americana Sandra Ingerman, ha sviluppato un approccio basato su queste esperienze per curare le persone che vivono nella nostra società occidentale.

Ha chiamato questo approccio “recupero dell’anima”, una terminologia già usata nelle popolazioni che praticano lo sciamanesimo come metodo di cura e di conoscenza.

Come si forma la malattia

La nostra anima o “pura essenza”, nel corso della vita può subire episodi, eventi o vivere situazioni che portano ad uno stato di disarmonia che a sua volta può causare malattie. La perdita parziale dell’anima è il risultato di questi traumi.

Durante i viaggi sciamanici, cioè sessioni in cui, attraverso uno stato alterato di coscienza ottenuto con il suono ripetuto del tamburo, si è visto che l’anima può essere frammentata, ad ogni frammento corrisponde ad un evento traumatico, vissuto in maniera consapevole o meno.

Questi frammenti, lasciati nell’episodio, con la loro mancanza causano all’anima non più integra una perdita di potere o carica energetica.

Da qui, gli sciamani hanno compreso perché molte persone sentono di avere perso una loro parte di sé in un qualche evento della loro vita. Sentono la mancanza di qualche cosa, ma non riescono a capire che cosa. Questo senso di perdita causa molto spesso malattie gravi, sia fisiche come ad esempio a livello immunitario, oppure psicologiche, come la depressione.

Queste perdite parziali di anima fanno sentire le persone prive di energia vitale, apatiche, con scarsa voglia di vivere, reagire ed affrontare la realtà.

Lo sciamano, con l’aiuto delle sue guide spirituali, sotto forma di Maestri o di Animali di Potere, viaggia nella realtà non ordinaria per vedere se e quali parti di anima sono mancanti e ripercorre molto spesso in maniera metaforica, la vita della persona per individuare le parti d’anima che sono rimaste negli eventi vissuti in maniera traumatica.

Le parti d’anima

Da quello che hanno osservato gli sciamani, quando vengono rilasciate forti emozioni l’anima tende a rimanere bloccata in questo stato. Le emozioni che causano questo, possono derivare da eventi traumatici e Sandra Ingerman, fatto queste scoperte lavorando su donne che hanno subito abusi; possono derivare anche da episodi eccessivamente positivi, come ad esempio una importante cerimonia o una “indimenticabile” vacanza.

In entrambi i casi, molto più spesso nei traumi, superato l’episodio la persona non si sente più come era in precedenza. Una parte di sé è rimasta inesorabilmente incollata a quel passato e ciò che rimane è un senso di vuoto, di incompletezza.

Per alcuni avvenimenti, dopo un certo periodo, in modo spontaneo queste parti d’anima ritornano ad integrarsi nella persona, in altri invece l’anima rimane inesorabilmente perduta.

Dal punto di vista sciamanico l’anima si trova in uno stato in cui “manca” una sua parte, c’è un “vuoto” interiore che può facilmente sfociare in malattie, anche gravi.

Per avviare il processo di guarigione lo sciamano agisce prima di tutto a livello spirituale, lavorando con l’anima della persona, e poi aiutando la persona a trovare anche materialmente la risoluzione della malattia.

Il Recupero dell’ Anima

La guarigione sciamanica avviene quando la parte dell’anima perduta viene recuperata e riportata alla persona ammalata. Lo sciamano, in questo caso, riporta solo l’essenza più pura rimasta nel trauma, lasciando invece nel passato le emozioni, le paure e tutti quei legami energetici che avevano ferito.

Dopo questo intervento la persona è in grado di avviare il suo processo di guarigione, integrando le energie recuperate, acquisendo le capacità perdute e ritrovandosi a fare una vita più completa e piena. Spesso queste energie ritrovate possono attivare nuove iniziative, accendere la creatività della persona, riscoprendo capacità fino allora impensabili. L’integrazione delle parti d’anima recuperate è uno dei momenti più importanti nel processo di guarigione, perché altrimenti si avrebbero a disposizione energie non utilizzate, che potrebbero essere veicolate ancora in situazioni non appropriate.

Questa pratica o cerimonia di “Recupero dell’Anima” è oramai consolidata anche nella nostra società occidentale e sempre più persone trovano in questo approccio la vera scintilla per uscire da situazioni di difficoltà e di sconforto, da malattie psicologiche o fisiche. C’è da considerare che non va in contrasto con i metodi della medicina ufficiale, in quanto, lavorando su un piano prevalentemente spirituale, si può integrare e lavorare in sinergia, amplificando gli effetti benefici delle cure tradizionali o guidando le persone verso le cure più appropriate.

Le Storie

Riportiamo alcune storie di guarigione, sperimentate da alcuni pazienti che si sono sottoposti a questo tipo di lavoro sciamanico, qui in Italia, operato da sciamani che si sono formati nella Fondazione degli Studi Sciamanici.

La treccia e la barca

Maria, signora di 67 anni, soffriva di attacchi d’asma da quando era adolescente. L’asma le rendeva difficile anche ogni esercizio fisico che sarebbe stato utile per il suo corpo divenuto così pesante.

L’animale guida, specializzato per il recupero dell’anima, mi ha portato in una spiaggia, dove una ragazzina di circa 12 anni con una lunga treccia si accingeva a salire su di una barca a remi che guidava quello che sembrava essere suo padre.

Vedo la barchetta andare al largo, ad un certo punto non vedo più la ragazzina sulla barca, sull’acqua vedo una figura luminosa con una lunga treccia luminosissima. Capisco che quella splendida figura femminile è una parte dell’anima della mia paziente, quando mi vede è desiderosa di essere presa e trasportata nella giusta sede per reintegrarsi, fa una danza a spirale, diventa piccola e sale sulla mia mano, la porto al cuore poi la trasporto fino a Maria. Soffio l’anima nel cuore e sulla fontanella.

Quando Maria si mette seduta, le racconto il viaggio, lei ha come un tremore, il viso diventa rosso, le mani trasudano, si è ricordata che all’età di circa 12 anni ha rischiato di annegare al largo, cadendo da una barchetta e suo padre l’ ha salvata prendendola per la sua lunga treccia, è stato proprio da quell’età che ha iniziato a soffrire d’asma.

Nelle prime tre settimane dopo il recupero dell’anima, Maria ha riscontrato un decisivo miglioramento dei sintomi respiratori.

L’uomo nero

Paola, 27 anni,  soffriva da anni di stato d’ansia. L’animale guida mi ha portato in una stanza dove una bambina di circa 5 o 6 anni con i capelli a boccoli, dormiva tranquilla nel suo letto. Ad un tratto vedo entrare nella stanza un uomo con un vestito stracciato, scuro ed un cappellaccio che gli copriva il volto, arriva al bordo del letto fa una risata agghiacciante. La bambina terrorizzata si siede sul letto urlando. Una parte dell’anima era rimasta là, nell’evento, quell’anima non voleva tornare, era ancora immersa nella paura, ho dovuto rassicurarla, dirle che ora tutto è tranquillo, non ci sono più persone che le fanno paura. L’anima si è decisa a venire con me per poi reintegrarsi. Quando, dopo aver soffiato l’anima nel cuore e nella fontanella, ho raccontato la storia a Paola, lei si è messa a piangere, ricordandosi ciò che le era veramente accaduto da piccola.

Paola, seppur  adulta, dormiva ancora con una piccola luce accesa in camera; dopo il racconto, si è ricordata che, quando era piccola, i suoi genitori le dicevano sempre che, se fosse stata cattiva, l’uomo nero, nella notte, l’avrebbe portata via, e… quella sera era andata a dormire dopo essere stata “cattiva” e così “l’uomo ‘nero” era veramente arrivato, terrorizzandola a morte.

L’animale guida mi ha detto di raccomandare a Paola di correre in un prato e poi fare le capriole sull’erba e di mettersi a braccia aperte verso il sole con un grande sorriso, doveva sentire rinata la bambina che è in lei.

Il feto femmina

Alessandra aveva difficoltà nei rapporti con i maschi, avrebbe desiderato un partner, ma allo stesso tempo fuggiva da questa situazione, si era sempre comportata e vestita come un maschio, pur non sopportando le femmine. Alessandra soffriva per questa stranezza comportamentale.

Nel viaggio sono arrivata fino dentro all’utero di una donna, sentivo che quella donna, insieme a quello che poteva essere il marito, continuavano a dire “speriamo che sia un maschio”, “sarà sicuramente un maschio”, “lo chiameremo Alessandro”. Il feto, che già aveva la coscienza di essere femminile pensava “ce la farò, mostrerò a tutti che sono quello che loro hanno desiderato”,…. E così l parte d’anima femminile era rimasta nell’utero, non era mai nata; insieme all’animale guida l’abbiamo fatta nascere riportandola ad unificarsi, è venuta con noi subito, rapidamente.

Ora Alessandra ha una vita normale e si sente perfettamente equilibrata.

La nonna

Lucio si sentiva svuotato, sempre privo di forze, con una stanchezza cronica. Nel viaggio sciamanico vedo un ragazzo adolescente che ha quello che pareva un bellissimo rapporto amorevole con la nonna.

Vedo la nonna  morta che, così legata al nipote che ne trattiene a sé una parte dell’anima. Il mio animale guida mi porta nel “regno dei morti” dopo avermi fatto passare un tunnel tra gli alberi della foresta, là trovo la nonna, dovevo convincerla a lasciare la parte di anima di Lucio. Dico alla nonna che Lucio ha bisogno di quella parte di anima per sentirsi bene e vivere con energia, alla fine l’anima viene a me dopo che la nonna l’ ha liberata.

Al ritorno del viaggio, racconto la storia a Lucio che mi dice che è tutto vero, al nonna era estremamente legata a lui, forse perché non aveva avuto figli maschi pur desiderandoli molto. Proprio quando la nonna era morta aveva cominciato a stare male.

Pin It